Andrea La Rovere

Ci sono storie bellissime ma sconosciute, fino a quando qualcuno non le racconta

Dario Argento e “L’uccello dalle piume di cristallo”

Dario Argento e “L’uccello dalle piume di cristallo”

Il cinema di genere italiano degli anni ’60 e ’70 è una delle mie grandi passioni e – a volte – anche ispirazioni. L’uccello dalle piume di cristallo è il debutto cinematografico di Dario Argento e dà la stura a decine di pellicole dai titoli bizzarri, invariabilmente con un animale citato in modo più o meno forzato.

Argento – come Truffaut prima e Tarantino poi – è un giovane cresciuto a pane e cinema, sia per coinvolgimenti familiari, sia come critico e sceneggiatore. Chiamato da Bertolucci per dirigere questo film, tratto da La statua che urla, bel romanzo giallo di Fredric Brown, come accade a volte, confeziona all’esordio la sua opera migliore.

Basandosi su una personalissima reinterpretazione della lezione di Hitchcock e delle innovazioni tecniche di Mario Bava, soprattutto nella fotografia, ma prendendo spunto anche dall’Antonioni di Blow Up, il giovane cineasta mette insieme un giallo dove – caso più unico che raro nella sua filmografia – ogni pezzo è nel posto giusto.

Non solo, come a voler mostrare a tutti il suo prorompente talento, si dedica maniacalmente a ogni inquadratura del film.

Ne escono fuori movimenti della macchina da presa che citano grandi registi come Hitchcock, Antonioni, Bava e Pietrangeli, filtrati attraverso la bizzarra personalità dell’autore. Il risultato detta praticamente i contorni di quello che allora è un genere appena nato: violenza splatter che andrà sempre aumentando, colori vividi e saturi, uso spregiudicato dell’espediente narrativo del particolare sfuggente e cliché già tipici di Bava come il serial killer dai guanti in pelle nera.

L’inquadratura in soggettiva rimarrà poi uno dei marchi di fabbrica di Argento. Qui è utilizzato in modo spericolato nella scena dell’uomo che precipita dal balcone, espediente mutuato dalla scena finale di Io la conoscevo bene, capolavoro di Pietrangeli.

I difetti tipici dei film di Dario Argento, ben evidenti anche nei capolavori Profondo rosso e Suspiria, sono qui totalmente assenti. Grazie probabilmente alla derivazione da Brown, la trama non presenta buchi di sceneggiatura e risulta, anche a livello psicologico, abbastanza credibile; la recitazione – vero tallone d’Achille di molti film argentiani – è qui ottima.

Il cast è buono; l’americano Tony Musante nel ruolo principale: pare che Argento e l’attore si odiassero cordialmente. Il mai troppo rimpianto Enrico Maria Salerno dà vita al commissario Morosini.
Il grande Mario Adorf veste i panni iconici del pittore naif e svitato; una serie di presenze femminili non banali e dall’aspetto smaccatamente anni ’70 come Suzy Kendall e Eva Renzi a completare.

Tenendo fede all’estetica cara a Leone, Dario Argento imbastisce un film che è come una partita di calcio fatta di sole azioni da gol.

Il trailer italiano del film

Perfino i temuti siparietti comici tanto cari ad Argento, quelli che minano anche il ritmo di un best seller come Profondo rosso, sono qui quasi assenti e addirittura azzeccati quando ci sono, come per i personaggi di er Filagna e Addio, simpatiche macchiette, ma funzionali alla trama.

La musica di Morricone, col quale si consumerà di lì a un paio di film un traumatico addio, aggiunge ulteriore valore.

Un’altra caratteristica – per me – fa dei primi film di Argento dei veri cult: le scenografie e ambientazioni, di per sé perfette, aggiunte all’ottimo colpo d’occhio quasi pittorico di Dario Argento, che cita Hopper a più riprese.

Proprio la sua estetica così legata al decennio dell’esordio sarà quella che – inevitabilmente – verrà meno almeno a partire da Tenebre. Da fine anni ’80 in poi, ci sarà il vero tracollo.

Ma ne parleremo prossimamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto
Facebook